casa-stregata-int

  DONAZIONE PER GLI  

  AMICI ANIMALI!  

   OGNI CENTESIMO  

  VERRA' DONATO  

  AGLI ANIMALI DI UN ENTE  

  LINKATO QUI SOTTO  

  P.S.: Ogni versamento ricevuto e inviato  

  verrà documentato con un post speciale!  

Grazie per la tua donazione!

:
 EUR

 

 wwf rufa 5x1000 banner sito wwf 225x225 logo 1 300x257logo liebster3 

 

 

 

Mercoledì, 13 Aprile 2016 08:35

L'inconfondibile tristezza della torta al limone di Aimee Bender

L'inconfondibile tristezza della torta al limonedi Aimee Bender Minimum faxISBN 9788875213626€ 16,50332 pagineBrossura

Libri

Stile: 57% - 1 votes
Contenuti: 31% - 1 votes
Aspettative: 17% - 1 votes

35 out of 100 based on 3 ratings. 3 user reviews.

L'inconfondibile tristezza della torta al limone
di Aimee Bender

Minimum fax
ISBN 9788875213626
€ 16,50
332 pagine
Brossura

 

 

Ciao Lunatici!

Prima di cominciare questa recensione premetto una cosa: ho preso questo libro perché mi avevano detto che era una scrittrice ironica e leggera.
Se cercate questo, non è il libro per voi! Non sopporto quando ti promettono qualcosa e poi ne rimani completamente deluso... Voi no??

 Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimeé Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

 

La storia moderna di un nucleo famigliare di persone sole e che non hanno dialogo.
Questa bambina, sola e incompresa. Nessuno che crede al suo "potere" o che le presta le dovute attenzioni e il giusto amore.
Il fratello, solitario e incompreso e anche lui solo ad affrontare il suo disagio.
La madre lasciata a se stessa che, per non pensare si butta a capofitto nell'artigianato.

Anche lei però dimentica di pensare ai figli e forse per uscire dalla pesantezza della situazione che sta vivendo si crea una vita parallela... Come biasimarla.
Il padre, anche lui solitario e abbandonato se stesso; immerso nel suo disagio che lo rende un padre inesistente.
Tutte queste persone insieme creano una sorte di nostalgica e triste famiglia che a causa di queste "sensibilità spiccate" ereditate dal nonno, non permette loro di vivere come una comune famiglia.
Mi ha creato angoscia e tristezza.
La scrittura è scorrevole e lo stile della Bender mi piace moltissimo. Ti porta a stare attaccato dalla prima all'ultima pagina, l'ho letto in 4 giorni solo perché dovevo fare altre cose altrimenti lo avrei letteralmente bevuto.
Lo consiglio a chi vuole leggere una storia particolare, tra il surreale e per nulla banale.
Dedicato a coloro che amano i romanzi con un bagaglio sentimentale talmente pesante e scomodo che se non hai abbastanza forza, rischia di trascinarti in un baratro di tristezza profondo.
Mi ha fatto riflettere che, nella normalità della vita, siamo tutti a disagio per qualcosa e spesso ci limitiamo con le persone, indistintamente dal fatto che le amiamo o meno.

Per paura di essere giudicati, per paura di mostrarci vulnerabili e di non essere realmente compresi.
Mi ha spaventato capire che, dietro alla facciata felice e spensierata delle persone, in realtà ci sono dei demoni giganteschi.
A volte immotivati, come la paura di essere giudicati.
A quelli motivati come, mi viene in mente, i problemi col cibo.
Ognuno di noi ha il suo lato oscuro, ma mi ha fatto capire che è bello avere qualcuno che ti ama o da amare (dalla famiglia, agli amici, agli animali...); Anime con cui condividere le proprie esistenze, perché da soli è terribile vivere!
E' un libro che va ad interpretazione e lascia moltissimi punti di domanda e molti risvolti psicologici.

 

SPOILER NON LEGGETE SE NON LO AVETE ANCORA LETTO MA VORRESTE FARLO!

Mi rimane un punto interrogativo sul finale che dice così: "...era così diversa dalla scelta di una sedia pieghevole, se non per il fatto che la mia scelta mi permetteva di rimanere nel mondo e la sua no?"

La frase in questione mi ha creato angoscia, come se la speranza mi fosse stata strappata dal cuore con un colpo netto.

Lascia intendere che suo fratello è morto (diventando sedia pieghevole???) da solo e senza essere realmente capito da chi lo amava.
Non c'è lieto fine. Mi ha lasciata basita. Insomma, potete capire che non è stato un libro semplice da accettare, interpretare e digerire. Della torta al limone c'è solo l'acidità che lascia in bocca quando arriviamo alla fine.

 

Grazie per aver passato un po' di tempo con me!
Voi lo avete letto? Fatemi sapere cosa ne pensate

e non dimenticatevi di cliccare su FOLLOW THIS BLOG qui a fianco per rimanere aggiornati!
Ciao Lunatici!

Rebecca

Letto 554 volte Ultima modifica il Domenica, 12 Febbraio 2017 10:51

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.